Cronaca

Carapelle, a processo le quattro maestre accusate di violenza nell’asilo comunale

Questa mattina il GUP del Tribunale di Foggia Protano ha rinviato a giudizio le quattro maestre imputate per numerosissimi episodi di maltrattamenti, che sarebbero avvenuti nell’asilo comunale di Carapelle nel periodo tra ottobre 2018 e aprile 2019. Il dibattimento comincerà il 15 giugno 2021 davanti al Giudice Monocratico Accardo, dove le maestra dovranno difendersi da accuse molto pesanti, frutto di una lunga indagine dei Carabinieri di Foggia e della Stazione di Carapelle, che riuscirono a piazzare delle telecamere nascoste nelle aule dell’asilo, riprendendo così sia le immagini e sia gli audio dei comportamenti violenti delle quattro imputate contro i loro piccoli alunni, di età compresa fra i 3 e i 5 anni. Il Giudice ha accolto tutte le richieste della Procura della Repubblica e delle Parti Civili, confermando soprattutto i pesanti capi di imputazione contro le maestre. Altro dato importante è che il GUP ha anche accolto la costituzione di Parte Civile del Ministero dell’Istruzione contro le sue stesse dipendenti, caso davvero molto raro in questo tipo di processi. Il Ministero quindi sarà presente durante tutta la causa nella duplice veste di responsabile per gli eventuali risarcimenti in favore delle vittime e persona offesa per gli stessi danni causati dalle maestre-imputate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: