Politica

Candela, il ringraziamento di Nino Santarella: “Le elezioni un punto di partenza”

Per molti le elezioni rappresentano il punto di arrivo. Per noi invece è stato il punto di partenza per riportare a Candela la democrazia assente da cinque anni, di cui molti sembrano non sentire la mancanza, forse perché disabituati o forse perché non l’hanno mai conosciuta. Candela Protagonista ha dato la possibilità ai candelesi di poter scegliere tra due diverse visioni di governo del paese. Opzione che nel 2016 non hanno avuto. E questo non è poco!
È stato un viaggio lungo e difficile poiché fatto in “solitaria”: senza partiti, senza nessun consigliere comunale, senza “staff”, senza giornalisti e/o pseudo tali, senza risorse. Un viaggio nel corso del quale abbiamo trovato tantissimi ostacoli che abbiamo però superato grazie alla determinazione delle donne e degli uomini del nostro movimento che, per questo, voglio ringraziare con un forte abbraccio. Sono stati davvero impareggiabili a resistere ad un intenso fuoco incrociato di insulti, minacce ed offese di ogni genere da parte di chi per partito preso ha difeso, a volte anche l’indifendibile, senza mai accennare ad una discussione di carattere politico. Un abbraccio lo devo anche ai candidati ed ai loro familiari che li hanno sostenuti in quella che tutti sapevamo essere una dura battaglia, quasi impossibile da vincere, ma che andava combattuta.
Giovani, donne e gente più attempata che in tale situazione di evidente svantaggio non hanno esitato a mettersi in gioco per il bene del paese.

A tutti i leoni da tastiera che si sono contraddistinti in questi mesi per la loro acredine anche nei loro confronti e che ancora oggi si affannano nel superfluo, dico che dovrebbero solo prendere esempio da loro.
Quando uno vuole bene al paese si mette in gioco, apertamente e sottoponendosi al vaglio degli elettori. Facebook, a volte, è solo un modo per dare sfogo alle proprie frustrazioni, non certo per contribuire alla crescita della propria comunità.

Ciononostante abbiamo perso, è innegabile, e pure di tanto. Ma ciò non scalfisce nemmeno di poco il nostro progetto di riportare al centro delle attività amministrative temi importanti come i GIOVANI ed il LAVORO.

È esattamente quello che faremo e se la nuova amministrazione proporrà in Consiglio Comunale provvedimenti in tale ambito, Noi ci saremo.

Per far bene al proprio paese non è necessario essere sindaco o assessori. Lo si può servire in tanti modi, anche stando all’opposizione.
Non saremo capziosi, quindi, non assumeremo atteggiamenti negativi e preconcetti, non diremo no a tutto, ma al contrario valuteremo di volta in volta le proposte della maggioranza pronte a farle proprie per il bene del paese.

Credo sia questo il
modo migliore per chiudere definitivamente questa campagna elettorale che qualcuno pensa ancora in essere, stando a quello che si legge sui social, ed iniziare a lavorare per il bene di Candela. Noi lo faremo nel ruolo in cui gli elettori hanno voluto e, vi assicuro, lo faremo nel modo migliore.

Candela ha bisogno di serenità.
Io sono sereno.

GRAZIE di vero cuore ai 542 candelesi che hanno creduto in noi e dai quali partiremo per costruire un futuro diverso per Candela.
VI VOGLIO BENE

Comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: