Politica

TV locali, Fratelli D’Italia: “La Regione Puglia si attivi subito per evitare rischio chiusura”

“La Regione Puglia si attivi immediatamente per sanare una situazione grave e che si innesta in un panorama già desolante che caratterizza il comparto dell’informazione. Con la cessione delle frequenze televisive alle compagnie telefoniche per il 5G, è diminuita sensibilmente la capacità trasmissiva a disposizione delle emittenti locali. Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha emanato un bando, diviso per Regioni, ma accade che storiche tv locali – per esempio Telefoggia, pur collocandosi in ottima posizione (18esimi su oltre cento emittenti), non ha avuto accesso alla banda di primo livello, in quanto la capacità trasmissiva è stata praticamente divisa tra varie emittenti locali e regionali che si sono presentate insieme. Telefoggia è stata quindi costretta a dirottare sulla banda di secondo livello, gestita dall’operatore Delta Tv. Il problema è che questa banda copre la Bat, Bari e Brindisi, ma, per assurdo, non copre Foggia. Così come non copre Taranto, dove nella stessa situazione si trova Studio 100. Ancor peggio, altre emittenti locali storiche foggiane come Teleblu e Teleradioerre rischiano seriamente di chiudere del tutto in quanto prive di capacità trasmissiva, nemmeno di secondo livello.
“Dal Mise fanno sapere che il problema è risolvibile, ma solo con l’apertura di un tavolo tecnico permanente che deve essere chiesto ufficialmente dalla Regione Puglia. Cosa che altre Regioni hanno fatto e con successo. In Puglia, invece, si continua a fare evidentemente finta di nulla. Nel frattempo i tempi stringono e il passaggio al nuovo sistema è praticamente dietro l’angolo, probabilmente dai primi di aprile. Chiediamo al presidente Emiliano di attivarsi immediatamente in favore di un settore, quello della comunicazione, dove sempre meno voci riescono a sopravvivere e a garantire l’informazione. Troppo spesso, purtroppo, reggendosi sul lavoro egregio, se non addirittura eroico, di tanti tecnici e giornalisti i cui compensi, troppo spesso, non sono dignitosi e adeguati al delicato ruolo che svolgono. Non si può restare inermi e indifferenti di fronte a un problema che interessa la libertà, la pluralità e livelli occupazionali già critici in questo settore”.

Comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: