Attualità

Coronavirus, la Puglia in attesa del nuovo DPCM, quali novità potrebbero scattare da giovedì

Ancora poche ore ed il nuovo DPCM entrerà in vigore, oltre alle misure su scala nazionale, anticipate ieri in parlamento dal premier Giuseppe Conte, altre saranno previste a seconda del livello di criticità territoriale, obblighi che resteranno in vigore dal 5 Novembre al 3 Dicembre per contrastare la pandemia di Covid-19.

Secondo le prime indiscrezioni, tra le misure previste su scala nazionale, dovrebbe scattare il coprifuoco a partire dalle 22:00, successivamente si potrà circolare solo per esigenze particolari con il ritorno dell’autocertificazione. Scatterà inoltre la chiusura dei musei, mentre sarà prevista la didattica a distanza al 100% per le scuole secondarie superiori, in Puglia però dovrebbe restare in vigore l’ordinanza emanata dalla Regione che ha chiuso tutte le scuole da circa una settimana. Prevista inoltre la chiusura nei weekend dei centri commerciali, mentre sui mezzi pubblici scatterà la limitazione al trasporto del 50 % della capienza massima, tutto invariato per bar e ristoranti, che resteranno chiusi dopo le 18:00 con possibilità di consegna a domicilio o asporto. Chiusura anche dei centri scommesse, e dei giochi nei bar e nelle tabaccherie, mentre saranno sospesi i concorsi.

Tra le novità del nuovo decreto l’istituzione di zone rosse, arancioni o verdi, a secondo delle quali, il Ministero della Salute, con l’ausilio delle regioni, potrà prevedere misure maggiormente o meno stringenti, a seconda delle criticità rilevate. Secondo le prime indiscrezioni la Puglia dovrebbe essere inserita nella zona arancione, che potrebbe prevedere, oltre alle misure su scala nazionale, il divieto di spostamento tra regioni e dal comune di residenza o domicilio, potrebbero invece restare totalmente chiusi bar e ristoranti, salvo consegna a domicilio o asporto.

Tra gli scenari peggiori la zona rossa, dove si aggiungerebbero inoltre chiusura di negozi, parrucchieri ed estetisti, uno scenario che non dovrebbe al momento riguardare la Puglia, dove l’incremento odierno sarebbe legato al “recupero di numerose schede non inserite negli ultimi giorni nei sistemi informatici ed è stato riallineato nella giornata di oggi”, come dichiarato nel bollettino odierno dal DG dell’ASL di Bari, Antonio Sanguedolce.

Preoccupa infine il dato dei decessi in capitanata, ben 52 sui 64 totali in Puglia nell’ultima settimana, nessun commento in merito è stato rilasciato al momento dall’ASL di Foggia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: