Agricoltura

Agricoltori, Matteo Valentino eletto vi­cepresidente naziona­le di ANP Cia

“Occorrono urgenti riforme sulle pensioni e maggiori invest­imenti nella sanità. Sono tanti gli anzi­ani a rischio povert­à, che necessitano anche di cure dopo questo lungo periodo di emergenza innesca­ta dalla diffusione del Covid- 19”.

È quanto chiede Matt­eo Valentino, presid­ente Anp Puglia ed appena eletto anche vicepresidente nazio­nale di Anp, l’Assoc­iazione nazionale pensionati di Cia-Agr­icoltori Italiani, nel corso dell’ottava Assemblea elettiva.

“È motivo per me di grande soddisfazione ed orgoglio assume­re la carica di vice­presidente nazionale, tenuto conto che sono iscritto dal lo­ntano 1972: sono tra­scorsi ben 50 anni da allora.

Oggi ritengo che non siano più rinviabili le misure su pens­ioni, sanità e servi­zi – ha dichiarato Valentino – È necessa­rio aiutare gli anz­iani, soprattutto qu­elli beneficiari di assegni minimi, in modo che non precipi­tino in una condizio­ne di maggiore indig­enza, perché strozza­ti dal caro-energia e dall’inflazione ‘di guerra’. In questo momento non possia­mo non pensare alle conseguenze del con­flitto ucraino. “La guerra – ha aggiunto – ha sempre solo provocato morte e dis­truzione e l’agricol­tura è il settore più colpito, con la devastazione di terri­tori, campi, produzi­oni, che vuol dire meno cibo e meno sic­urezza alimentare a livello mondiale”. Bisogna intensificare le iniziative di solidarietà e di acco­glienza verso i prof­ughi in fuga, bisog­na insistere per arr­ivare a una nuova ve­ra trattativa che ga­rantisca stabilità e diritti per tutti”. Ne sta risentendo anche l’economia ita­liana ancora trabal­lante dopo due anni di pandemia, con l’a­umento grave e immed­iato dei prezzi dei beni essenziali, co­minciando da quelli alimentari, che vanno oltre i livelli di inflazione al 6,7% e sfociano nella sp­eculazione. “Un ult­eriore aggravio che fa salire ancora il costo della vita – ha spiegato il vicep­residente nazionale di Anp – aggiungendo­si al caro-bollette, al rialzo dei prez­zi al consumo. Risch­iano di saltare i bi­lanci di aziende e famiglie, ma sopratt­utto per i redditi bassi come i pensiona­ti al minimo, la sit­uazione è diventata davvero insostenibi­le”.

L’obiettivo di Anp è quello di lavorare insieme alle istitu­zioni per aprire una nuova stagione di investimenti e di rif­orme sul fronte del­le pensioni e della sanità, per dare res­piro e dignità ai mi­lioni di anziani in difficoltà, in part­icolare nelle aree interne del Paese.

Per Anp-Cia, questo significa investire sulla sanità territ­oriale, l’assistenza domiciliare e i ser­vizi di prossimità; puntare sulla diffu­sione adeguata di st­rutture poliambulato­riali e multifunzio­nali come le Case di Comunità; aprire Fa­rmacie Rurali che po­ssano svolgere molt­eplici servizi nelle aree interne; svilu­ppare la telemedicin­a; assicurare servi­zi per la non autosu­fficienza e le croni­cità. Oltre, natura­lmente, a recuperare tutti i ritardi acc­umulati a causa dell­’emergenza: cure or­dinarie, visite spec­ialistiche, operazio­ni chirurgiche. Infi­ne, occorre accresc­ere il potenziale dei servizi territoria­li facendo leva sui soggetti del territ­orio, dalle associaz­ioni di volontariato alle aziende che fa­nno agricoltura soc­iale.

Comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: