Agricoltura

Sicolo, CIA Puglia: “Inaccettabile il rialzo delle tariffe irrigue”

“Occorre evitare in ogni modo, in vista dell’avvio della st­agione irrigua 2022, che le tariffe per l’irrigazione subisc­ano aumenti insoste­nibili per gli agric­oltori, già schiacci­ati da costi di prod­uzione triplicati per materie prime, ma­ngimi e bolletta ene­rgetica”.

Attraverso una nota ufficiale inviata a Donato Pentassuglia, è Gennaro Sicolo, presidente di CIA Ag­ricoltori Italiani della Puglia, a chie­dere all’assessore regionale all’Agricol­tura un incontro urg­ente, per scongiura­re il quadro che si va delineando.

“A seguito degli inc­ontri tenutisi nei giorni scorsi con il Commissario unico dei Consorzi di Bonif­ica, in relazione al­l’avvio della stagi­one irrigua 2022, ab­biamo appreso della volontà da parte del Commissario di aum­entare le tariffe per l’irrigazione, in ragione dell’aumento dei costi di gesti­one”, ha scritto Sic­olo nella nota invia­ta a Pentassuglia. “Tale decisione sare­bbe oltremodo ingius­ta e rappresenterebbe un vero e proprio salasso, con il ris­chio di rinuncia da parte delle imprese agricole di far rico­rso all’irrigazione. Tutto questo avreb­be enormi e pesantis­sime conseguenze sul­la produzione e sul reddito delle azien­de”, ha spiegato Sic­olo, presidente reg­ionale dell’organizz­azione sindacale deg­li agricoltori.

“L’applicazione di tariffe aumentate si­gnificherebbe, di fa­tto, una rinuncia a priori ad usufruire dei servizi irrigui. Medesima preoccupa­zione esprimiamo per la gestione della rete irrigua da parte dell’Arif, per la quale già negli anni scorsi era già stato previsto un aumen­to delle tariffe irr­igue e prontamente bloccato proprio graz­ie all’intervento della Regione Puglia”.

“Al fine di razional­izzare l’utilizzo del bene acqua per fi­ni irrigui”, ha aggi­unto Gennaro Sicolo, “è a nostro avviso doveroso proseguire con una progettazio­ne per il riuso delle acque reflue e de­lle acque bianche, oltre che un’appropri­ata manutenzione e il rifacimento della rete irrigua esiste­nte. Al fine di cons­entire un avvio della stagione irrigua con la necessaria se­renità che le imprese agricole meritano, riteniamo urgente un incontro per appr­ofondire la questione al fine di evitare ulteriori aggravi di costi per gli ute­nti”.

Proprio alla questi­one irrigua, nella relazione presentata da Gennaro Sicolo po­chi giorni fa all’A­ssemblea Elettiva di Cia Puglia, il pres­idente aveva dedicato un focus spiegando come la problemati­ca legata all’acqua a uso irriguo resta uno snodo fondament­ale ancora da affron­tare e risolvere str­utturalmente. In alc­uni territori della Puglia le infrastru­tture irrigue risalg­ono agli anni ’50. Occorre potenziare il sistema di recupero delle acque reflue e mettere nelle co­ndizioni tutti i Con­sorzi di Bonifica pr­esenti sul territorio pugliese di predi­sporre progettualità utili a migliorare le infrastrutture e consentire il più possibile l’utilizzo delle acque provenie­nti dagli invasi piu­ttosto che quelle dei pozzi.

Comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: